Ospedale:la tappa del TAR


/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Il deposito della sentenza previsto per domani 22 marzo

Cingoli, 21 marzo 2013. È stata una giornata molto importante per la difesa dell’ospedale cittadino. In primo luogo, l’udienza al Tar delle Marche, dove il Comune di Cingoli chiedeva l’annullamento dell’atto con cui la regione Marche ha deciso di destrutturare il nostro nosocomio. Un’udienza defatigante -così come l’ha definita il nostro avvocato Ranieri felici- che ha visto contrapporsi le tesi di Cingoli, contro quelle della regione Marche e contro i comuni di Amandola e Pergola che si sono costituiti in giudizio contro le nostre ragioni (sic)!

2013-foto-1

Ma una giornata importante lo è stata anche per il presidio di un piccolo ma combattivo gruppo di cittadini e di amministratori locali che, in prossimità del Tribunale amministrativo regionale, hanno dato vita ad una piccola manifestazione e a un volantinaggio per spiegare le ragioni della protesta.

In tarda mattinata, poi, il volantino è stato consegnato alla segreteria del Presidente della regione Gian Mario spacca. Un piccolo gruppo di cittadini guidato dal sindaco, è stato ammesso ad accedere al settimo piano del Palazzo della Giunta regionale, ma è stato praticamente impossibile parlare con una qualche autorità.

Giustificazione ufficiale: non c’è nessuno. E tuttavia sorge il sospetto di pensare che non sia stato così, tenuto conto che, da oltre un anno, né il Presidente la regione né l’assessore competente, hanno ritenuto di confrontarsi con il sindaco e l’Amministrazione comunale di Cingoli.

Resta il fatto che questo silenzio degli amministratori regionali è davvero significativo (in senso negativo per Cingoli)t.

C’è da domandarsi come sia possibile che la politica regionale con l’esclusione di Cingoli dai Comuni montani protetti, alimenti un conflitto tra “poveri” ovvero una lite pericolosa con Amandola e Pergola, con il rischio di portare tutti sull’orlo di un baratro.

Domani mattina (n.d. r. 22 marzo 2013) verrà depositata la sentenza del Tar e conosceremo l’esito della vertenza giudiziaria. Ma la battaglia politica è solo agli inizi.

Sabato 23 marzo alle 17.00, nella sala del Consiglio comunale di Cingoli, così come si era deciso nel precedente incontro, si svolgerà una riunione per decidere le ulteriori in iniziative da intraprendere.

Contenuto inserito il 21/03/2013
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questo sito è realizzato da Task secondo i principali canoni dell'accessibilità